Il Capodanno Ebraico: 19 settembre 2020

Capodanno Ebraico - Rosh Hashanah
Capodanno Ebraico - Rosh Hashanah



Il calendario ebraico è un calendario lunisolare che calcola i giorni e i mesi in modo diverso rispetto al calendario gregoriano. E’ per questo che il Capodanno Ebraico cade in giorni e periodi diversi rispetto a quello “occidentale”.

Sono in tutto tre le festività del Capodanno Ebraico, ma quella che si può assimilare al nostro capodanno è la festa di Rosh haShanah. Si tratta del capodanno religioso, ovvero il punto di riferimento utile per effettuare il calcolo degli anni e per calcolare le altre festività come l’Anno Sabbatico e il Giubileo.

Quand’è il capodanno Ebraico?

La data del capodanno ebraico non è sempre la stessa (come invece accade nel nostro calendario), ma solitamente cade tra Settembre ed Ottobre, ovvero il primo giorno del mese di Tishrì. Terminati i festeggiamenti per la notte di capodanno iniziano 10 giorni di penitenza durante i quali gli Ebrei chiedono perdono a Dio per tutti i peccati che riconoscono di aver compiuto durante tutto l’anno.

E’ un momento di presa di coscienza molto importante ed intima perché gli Ebrei si trovano a fare un bilancio non solo delle proprie azioni, ma anche dei torti arrecati agli altri. E’ così che il peccatore dovrà chiedere perdono all’altro che avrà il dovere morale di offrire il proprio perdono. I 10 giorni di penitenza terminano con lo Yom Kippur, ovvero la ricorrenza che celebra il giorno dell’espiazione finale dei peccati. Rosh haShana è una ricorrenza che viene festeggiata sia in Israele che in diaspora.

  • Capodanno Ebraico 2020: sarà la notte tra il 19 settembre ed il 20 settembre, e coinciderà con il capodanno Ebraico n°5781.
capodanno ebraico
Il miele, uno dei simboli del Capodanno Ebraico

Come calcolare la data esatta

Per calcolare la data esatta del capodanno ebraico occorre fare riferimento alla Pesach, ovvero alla Pasqua Ebraica, anch’essa festività diversa rispetto a quella “occidentale”. Quindi, il capodanno ebraico cade 162 giorni dopo rispetto alla Pesach: questi calcoli fanno sì che il capodanno non cada mai prima del 5 settembre o dopo il 5 ottobre (del calendario gregoriano). Inoltre non cade mai di giovedì, venerdì o di domenica.

Quando dura il capodanno ebraico

La festa del Capodanno Rosh haShana dura 2 giorni (quindi quest’anno saranno festività ebraiche il 19 ed il 20 settembre), anche se ci sono testimonianze di come nell’antica Gerusalemme si festeggiasse solo il primo.

Le due giornate sono dette anche “del ricordo” e “del Giudizio”: il ricordo è quello degli uomini che meditano sulle violazioni ai precetti sacri, il giudizio è quello di Dio nei confronti di tutti gli uomini. Ma sono anche definite le giornate del suono: ciò deriva da una delle tradizioni del Capodanno ebraico che vuole che ogni mattina si suoni lo Shofar, il corno di ariete, simbolo del risveglio del popolo ebraico dal torpore e richiamo all’avvicinarsi del Giudizio divino.

Come si festeggia il capodanno ebraico: usanze e tradizioni

Tashlikh

Quando si parla di capodanno ebraico non si fa riferimento ai festeggiamenti pazzi come li intendiamo per il capodanno “occidentale”. Gli ebrei, infatti, rispettano delle usanze e tradizioni radicate nei secoli.

Ad esempio il pomeriggio precedente al primo giorno gli ebrei si liberano dei vecchi oggetti lanciandoli via in uno specchio d’acqua: è usanza, infatti, recarsi vicino ad un lago, al mare o in un fiume, ma basta anche dell’acqua corrente dove vengono gettate delle vecchie come simbolo di liberazione dei peccati.

Seder

La cena della sera “Seder di Rosh haShana” è uno dei momenti più allegri di quella che altrimenti è una festa religiosa molto profonda e ben diversa dal nostro concetto di capodanno, fatto di pazzi festeggiamenti. La tradizione vuole che vi sia una grande cena in famiglia, con cibo ricco di sapore ma anche di significato.

In sinagoga

Durante il periodo di Rosh haShana, in sinagoga domina il colore bianco: oltre ai tendaggi che coprono la Torah, anche chi partecipa alla funzione dovrà indossare qualche indumento bianco come simbolo della propria purezza.

I piatti tipici del capodanno ebraico

Durante il capodanno ebraico, a tavola si mangiano parti di testa di animali, soprattutto l’agnello e il pesce per simboleggiare l’inizio dell’anno, mentre, alla fine, viene distribuita molta frutta come la mela bagnata nel miele ed il melograno, entrambe metafore di prosperità ed abbondanza.

I “bocconcini” vengono accompagnati da formule bene auguranti recitate dal capofamiglia, rinnovando la tradizione di Shehekheyanu in base alla quale i cibi consumati a Capodanno, e quindi i primi alimenti mangiati nell’anno, vengono benedetti.

Non può mancare il challah, ovvero il pane rotondo che viene diviso tra i commensali ed intinto nel miele e nel sale come simbolo di un anno dolce e piacevole. La forma del pane, inoltre, è rotonda come augurio di un anno privo di difficoltà.

9 commenti

PER FARE UNA DOMANDA O CHIEDERE UN CONSIGLIO SUL CAPODANNO, SCRIVI IN FONDO ALLA PAGINA, O RISPONDI AGLI ALTRI MESSAGGI
  1. Avatar
    Nobile Giulio

    vorrei sapere nell’anno del calendario abituale 2020 quando inizia il nuovo anno ebraico

    • Marco - Capodannissimo
      Marco - Capodannissimo

      Caro Giulio, abbiamo appena aggiornato l’articolo, con tutti i riferimenti al 2020.

  2. Avatar
    ted

    La butto lì… x puro caso non è ke il 2 ottobe sia la Vigiilia di Rosh Hashana e ke quindi il primo giorno di Capodanno sarà il 3 ottobre??? Scusatemi se sbaglio… Shana Tova. ted
    …a meno ke… a meno ke il vostro calcolo non tenga conto dell’inizio di Rosh Hashana dal tramonto del sole del 2 ottobreeeee…, nel qual caso ci saremmo…. Grz

    • Marco (admin)
      Marco (admin)

      Abbiamo indicato 2 ottobre come data di riferimento in quanto festa delle vigilia e specificato che i giorni della festa sono 3 e 4 ottobre.
      Anche in classico “capodanno” sarebbe il 1 gennaio ma i festeggiamenti ci sono al 31 dicembre.

  3. Avatar
    mondo intero

    shana tova

  4. Avatar
    m.cristina

    l’anno prossimo a Gerusalemme con Keren!

    • Avatar
      m.cristina

      Keren è una meravigliosa ragazza israeliana, che potrebbe essermi figlia, che ho conosciuto il 9.5.2012
      al ristorante GamGam di Venezia. Considero questo
      giorno il mio “yom tov” dopo quello della nascita di
      mio figlio.
      Ciao a tutti, cri

      • Staff
        Staff

        Ti ringrazio molto per condividere con noi questa tua esperienza, che mi sembra ti abbia toccato molto!

    • Staff
      Staff

      Bene! Chi o cosa sarebbe Keren?

Vuoi chiederci qualcosa?

Nome e Commento saranno pubblicati. La tua Email non sarà pubblicata né usata per pubblicità.
I tuoi dati sono trattati nel rispetto della privacy.
(* dato richiesto)